Blog

Leggi l’intervista al Presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, Giuseppe Bonanno. “Trasformiamo l’ex ospedale Marina Militare in scuola di studi ispirati a Garibaldi”.
 

di Lorenzo Impagliazzo.

La Maddalena, 4 febbraio 2011.

Il punto sul Piano e il Regolamento del Parco; la tutela  delle Bocche di Bonifacio, alla luce della marea di olio combustibile che si è riversata sulle coste del Nord Sardegna, a partire dalla centrale di Fiumesanto e la paura che possa investire anche l’Arcipelago di La Maddalena; l’acceso dibattito scaturito dal progetto presentato a Roma dal presidente del Comitato per le celebrazioni dell’Unità d’Italia, Giuliano Amato, che vede il Parco in disaccordo anche con il Comune maddalenino (anteprima di una nuova rottura nei rapporti tra le due istituzioni?) e il dubbio: La Maddalena rischia veramente di perdere il finanziamento di circa sei milioni di euro?. Ancora: l’emergenza cinghiali a Caprera e nell’isola madre; le nomine nel Consiglio direttivo del Parco nazionale. Di questo è altro si è parlato nell’intervista esclusiva concessa a lamaddalenatv.it dal Presidente del Parco, Giuseppe Bonanno, Commissario straordinario del Parco dal dicembre 2006, in carica dal 2007 sino al 30 maggio 2012. “Stiamo monitorando le coste- spiega Bonanno- Allo stato attuale l’Arcipelago non corre rischi. Nel caso saremmo pronti ad intervenire con l’uso di battelli anti inquinamento del Ministero dell’Ambiente e con il posizionamento delle panne anti inquinamento. L’attenzione è massima e l’intesa con la Capitaneria di La Maddalena è ottimale”. Forti le riserve sul Progetto Arbuticci, a Caprera. “Il Progetto redatto dalla Struttura tecnica di Missione è palesemente contro la normativa vigente, soprattutto in tema di carattere ambientale. Da precisare che il progetto originale, a differenza di questo, non prevedeva l’aumento di volumetrie nel monumento del Forte”. Il Presidente Bonanno si sbilancia nel prevedere una destinazione d’uso diversa per l’ex ospedale della Marina Militare, trasformato dalla struttura di Missione ex G8 in struttura alberghiera a 5 stelle. “Vedrei bene quella struttura come Museo nazionale o meglio come scuola di studi, ispirati a Garibaldi, sulle scienze umanistiche e naturali. Questo permetterebbe di rimodulare la struttura in maniera tale da accogliere tutti i cimeli che si dovrebbero posizionare ad Arbuticci. Il fatto che sia abbandonato è un grosso peccato. Ecco, mi concentrerei sul recupero di questo, piuttosto che costruire un altro edificio nel territorio. Peraltro un albergo così vicino ad una struttura come quella della Mita, che ha a disposizione un ampio specchio acqueo e tanti posti barca potrebbe avere delle difficoltà a decollare. Dobbiamo essere noi i protagonisti del nostro futuro”- aggiunge Bonanno-. Problematica cinghiali nell’Arcipelago. “Cattura e abbattimento della specie sono i nostri obiettivi, sia a Caprera che a La Maddalena”. Roberto Ugazzi, Tommy Gallo, Luca Montella, Pietro Dettori e Gianluca Cataldi sono i neo rappresentanti del Consiglio direttivo. Ora si potrà finalmente operare al cento per cento delle forze.  “La costituzione completa del consiglio direttivo ci consente di operare al meglio e di questo sono molto soddisfatto- conclude Bonanno”.

Il video dell’intervista, solo su www.lamaddalenatv.it

Commenti

commenti