Blog

A cura del Dott. Pietro Fonnesu, Consulente del Lavoro.

La Maddalena, 28 Agosto 2011.

In caso di morte del contribuente che ha sostenuto le spese per la ristrutturazione edilizia detraibile nella misura del 36% con rate residue da detrarre nelle annualità successive, gli eredi possono usufruire delle quote residue da detrarre, a condizione che venga conservato il possesso dell’immobile.

Secondo l’orientamento nel merito dell’Agenzia delle Entrate, il possesso dell’immobile si ha quando l’erede assegnatario abbia l’immediata disponibilità del bene, disponendo liberamente dello stesso e, particolare di rilevante importanza, a proprio piacimento quando l’erede lo desideri, indipendentemente dal fatto che abbia o meno adibito l’immobile avuto in eredità ad abitazione principale.

Commenti

commenti