Blog

A cura del Dott. Pietro Fonnesu, Consulente del Lavoro.

La Maddalena, 5 Dicembre 2011.

Il termine per il versamento della 2^ rata a saldo dell’I.C.I. è venerdì 16 dicembre 2011.

Presupposto per il pagamento dell’I.C.I. è il possesso di immobili sia a titolo di proprietà che a titolo di usufrutto (quest’ultimo stipulato con atto notarile), a qualsiasi uso destinati, compresi quelli destinati ad uso di impresa.

L’I.C.I. è dovuta proporzionalmente ai mesi dell’anno solare durante i quali si è avuta la titolarità del diritto.

Il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno 15 giorni deve essere considerato come mese intero, quindi, 15 giorni, equivalgono ad un mese.

A decorrere da 2008 è esclusa dall’applicazione dell’I.C.I. l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale, cioè quella nella quale il contribuente che la possiede a titolo di proprietà o di usufrutto dimora abitualmente.

Per i fabbricati inagibili l’I.C.I. è ridotta del 50%, limitatamente al periodo dell’anno in cui sussistono tali condizioni.

Il versamento dell’I.C.I. deve essere effettuato con arrotondamento all’euro, per difetto se la frazione è pari o inferiore a 49 centesimi (ad esempio 121,26 diventa 121,00), per eccesso se superiore o uguale a 50 centesimi (ad esempio 121,50 diventa 122,00).

Il versamento minimo è fissato in 12 Euro.

Commenti

commenti