Blog

Apneista introvabile, nonostante le ricerche della Guardia Costiera e dei sommozzatori M.M.
00
 

cp 306

La Maddalena, 26 Maggio 2016.

Anche nella giornata di ieri le ricerche in mare dell’apneista di Santa Marinella (RM), R.T., 61 anni, hanno visto impegnati gli uomini della Guardia Costiera di La Maddalena e i sommozzatori della Marina Militare.

Il tratto di mare che va da Punta Marmorata (Santa Teresa Gallura) alle isole dell’Arcipelago de La Maddalena è stato oggetto di ricerche senza soluzione di continuità da parte dell’ unità deputata al soccorso CP 306; mentre i subacquei della Marina Militare si sono occupati di perlustrare a circa 40 metri di profondità lo specchio acqueo in cui, sabato scorso, è stato ritrovato il gommone del Sig. R.T.

Le operazioni di ricerca di questi giorni hanno purtroppo dato esito negativo.

La Capitaneria di Porto di La Maddalena ha disposto ufficialmente il termine delle operazioni dopo ben quattro giorni di ricerche in cui tutte le forze armate e di polizia chiamate ad intervenire hanno fornito il loro prezioso apporto.

Le attività di ricerca comunque continueranno nei prossimi giorni da parte delle unità navali della Guardia Costiera durante le normali missioni di polizia marittima.

IMG-20160526-WA0031 (1)

La Maddalena, 26 Maggio 2016. (ore 19)

Si sono interrotte solo stasera le ricerche del turista di nazionalità ceca, J.S., 61 anni, caduto in mare in località Baia di Santa Reparata e che risulta disperso dalla tarda serata di lunedì.

Vane sono risultate le ricerche, durate ben tre giorni, che hanno visto impegnati sia via mare che via terra gli uomini della Guardia Costiera di La Maddalena, i sommozzatori e i rocciatori dei Vigili del Fuoco di Sassari e la Protezione Civile di Santa Teresa Gallura.

Dell’uomo sono stati ritrovati gli indumenti, ma di lui purtroppo nessuna traccia.

In merito all’accaduto sono stati opportunamente informati i famigliari del malcapitato attraverso i contatti istituzionali con l’Ambasciata della Repubblica Ceca presso Roma.

Ora toccherà alla Capitaneria di Porto di La Maddalena ricostruire la vicenda nei minimi dettagli, accertare che non vi siano eventuali responsabilità di terzi e produrre gli atti formali da inviare alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania.

Share This: