Blog

Allagamenti e scuole chiuse a Olbia.
00
 

Olbia, 23 Gennaio 2017 – Il sindaco di Olbia ha disposto d’urgenza la chiusura delle scuole dalle ore 13. La decisione presa in mattinata a causa delle avverse condizioni meteo: in città, infatti, piove senza sosta dalla notte e si rivive l’incubo alluvione. I vigili del fuoco sono impegnati per vari allagamenti di strade e scantinati. Sono anche esondati alcuni canali, in particolare nel quartiere di Pasana. Ma disagi si registrano anche nelle campagne e nella frazione di San Giovanni dove il ponte stradale è stato ricoperto dall’acqua per l’ingrossamento del rio Siligheddu.
Difficoltà anche ad Arzachena per l’esondazione di alcuni corsi d’acqua canalizzati. Il Comune di Olbia, che monitora costantemente la situazione, ha invitato la popolazione a lasciare gli scantinati e ad utilizzare la massima prudenza negli spostamenti. La Protezione civile, per oggi, ha emesso in Gallura un’allerta con codice giallo.
DISAGI IN PROVINCIA DI CAGLIARI, CHIUSA SS 195 DA CAPOTERRA E CAGLIARI – Si lavora ancora a Cagliari e in tutta la provincia per ripulire le strade e in alcuni casi riaprirle, dopo l’ondata di maltempo con forti raffiche di vento, anche a 100 chilometri orari e la pioggia che hanno messo in ginocchio tutto il cagliaritano. Sono oltre 200 gli interventi portati a termine da parte dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Cagliari. Alberi e rami caduti su strade o dentro giardini, cornicioni, pali, cartelloni pubblicitari finiti sulle auto.
Una vera e propria emergenza, con danni ingenti ancora da quantificare. Attualmente in città sono ancora chiuse via Fra Ignazio a causa della caduta di alcuni alberi. Problemi e disagi anche in via Copernico, via della Pineta, via Stoccolma e via Costantinopoli. Al lavoro gli agenti della polizia locale e gli uomini del verde pubblico. La strada statale 195 è ancora chiusa, con notevoli disagi per gli automobilisti, fra Capoterra e Cagliari. Aperta solo una corsia a senso unico nella direzione Cagliari-Capoterra.

Fonte: Ansa.

Share This: