Blog

Ente Parco: al via nuove assunzioni.
00
 

La Maddalena, 30 Giugno 2017 – Cinque falegnami specializzati, un operaio comune e due educatori ambientali: l’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena continua ad assumere nuovo personale per cercare di rendere sempre più efficienti i servizi offerti ai numerosi ospiti dell’Arcipelago.
La squadra di falegnami e operai, selezionata tramite l’ASPAL – Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro, sarà a disposizione degli Uffici dell’Ente, per cominciare, per nove mesi: periodo in cui le attività da portare avanti saranno numerose per rendere sempre più fruibili le isole dell’Arcipelago: si partirà dal ripristino del sentiero di Budelli, la pulizia dei sentieri di Caprera, la manutenzione dei cartelli informativi e delle passerelle dislocate nella spiagge di Bassa Trinita, Relitto, Cala Andreani e Cala Corsara a Spargi.
Gli educatori ambientali invece dalle prossime settimane garantiranno, insieme ai volontari che gestiscono i Musei del Centro di Educazione Ambientale (CEA) dell’isola di Caprera, l’apertura dalle 9 alle 20 del Museo Geomineralogico Naturalistico e del Museo del Mare e delle Tradizioni marinaresche. Il lavoro si incentrerà sullo svolgimento di attività di educazione ambientale, finalizzate alla divulgazione delle nozioni di tutela ambientale e delle informazioni sulla mineralogia e geologia tipica del territorio nonché sulle tradizioni locali e marinaresche.
“La volontà di dotarci di personale qualificato, è basilare per la tutela dell’Arcipelago. Una squadra di personale competente può fare la differenza nella realizzazione dei progetti in essere. – spiega il Commissario Leonardo Deri –. E’ un percorso, quello che stiamo attuando, che va dalla protezione con gesti concreti alla sensibilizzazione attraverso l’educazione ambientale, rivolta a tutti coloro che arrivano nel nostro Arcipelago. Per proteggere il nostro territorio c’è bisogno del contributo di tutti: è importante capire infatti, quali comportamenti vanno tenuti all’interno di un’area Parco al fine di preservarne la ricchezza dell’ambiente naturale”.

Share This: