Blog

In Sardegna confermati 6 casi gravi e 2 decessi per influenza
 

Influenza stagionale: Sardegna in linea con il resto dell’Italia.

Come ogni anno, anche nella stagione 2017 – 2018, il Ministero e l’Ats hanno messo a disposizione della popolazione il vaccino antinfluenzale, unico strumento in grado di prevenire nei soggetti sani l’infezione e, spesso, la malattia, e nei soggetti già ammalati le complicanze che derivano dall’infezione virale. Un vaccino offerto gratuitamente alla “popolazione a rischio” (come anziani, soggetti immunodepressi o con patologie pregresse), ma disponibile anche per il resto della popolazione.

Il livello di incidenza dell’influenza sulla popolazione nazionale (dati aggiornati alla seconda settimana del gennaio 2018) è pari a 13,73 casi per mille assistiti. La fascia di età maggiormente colpita è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni in cui si osserva un’incidenza pari a circa 30,8 casi per mille assistiti e quella tra 5 e 14 anni pari a 15,9. L’incidenza nei giovani adulti è pari a 13,8 e negli anziani a 7,8 casi per mille assistiti.

In Sardegna si registra un’incidenza complessiva pari a 15,44 casi per mille assistiti; di questi 30,26 casi per mille assistiti si registra nella fascia d’età 0 – 4 anni, 26,88 in bambini e adolescenti tra 5 e 14 anni, 9,61 tra i 15 e i 64 anni, e 3,80 per gli adulti oltre i  65 anni.

Per quanto riguarda le forme gravi e complicate il sistema di sorveglianza dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha rileva che in tutta Italia dall’inizio della sorveglianza (settembre 2017) sono stati segnalati 140 casi gravi di influenza confermata e 30 decessi.

In Sardegna finora sono stati confermati 6 casi gravi e 2 decessi.

 Dei 140 casi gravi, il 60% dei soggetti colpiti è di sesso maschile, con età media di 61 anni (0-93), l’81% presentavano almeno una condizione di rischio (come diabete, malattie cardiovascolari e malattie respiratorie croniche). Tre casi gravi si sono verificati in donne in stato di gravidanza. Tutti sono stati ricoverati in una Unità di terapia intensiva o sub-intensiva (21 hanno necessitato del supporto ECMO e 79 sono stati intubati).

In 68 soggetti (48,6%) è stato isolato il virus A/H1N1, in 3 (2,1%) il virus A/H3N2, in 13 (9,3%) un virus A/non sottotipizzato e in 56 (40,0%) il virus B.

Dei 30 decessi registrati in Italia il 90% ha interessato soggetti di età > ai 25 anni; nel 43% dei casi (in 13 soggetti) è stato isolato il virus A/H1N1; nel 40% (12 soggetti) il virus B e in 5 soggetti (17%) casi virus A/non sottotipizzato.

L’Ats ricorda che la vaccinazione rimane il principale strumento di prevenzione dell’influenza e che, per chi non si fosse ancora vaccinato e presentasse una condizione di rischio, è importante vaccinarsi, anche adesso. Inoltre, per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza, è importante mettere in atto anche misure di protezione personali (non farmacologiche) come per esempio:

–          lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici)

–          buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani)

–          isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale

–          uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale quando si trovano in ambienti sanitari (ospedali).

ASL OLBIA, UFFICIO STAMPA

 

Commenti

commenti