Blog

NEWS GALLURA. Notte di violenza, tre arresti dei carabinieri per resistenza con violenza a pubblico ufficiale e maltrattamenti in famiglia.
 

Olbia e Porto Rotondo.

Nel corso delle ultime notti i Carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia sono stati chiamati ad effettuare alcuni interventi in ausilio di cittadini o strutture in difficoltà, per motivi differenti, a causa della presenza di persone in stato di alterazione che si stavano comportando in modo violento nei confronti di persone e cose.

Il primo intervento è stato richiesto presso la struttura dormitorio della CARITAS di via Canova, dove sono ospitate diverse persone in difficoltà economiche e “senza tetto”, perché un pregiudicato, in evidente stato di alterazione psico-fisica, verosimilmente ubriaco, come ammesso dallo stesso, sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, stava litigando con la guardia notturna forse perché non riteneva di dover rispettare le normali regole di convivenza comune che vengono imposte in una struttura simile a salvaguardia del rispetto di tutte le persone che vi sono ospitate.

Alla vista dei militari, il 44enne di Nuoro, ha tentato di colpirli con calci e pugni con violenza ed è stato immediatamente immobilizzato, accompagnato in caserma e dichiarato in arresto.

Subito dopo, i Carabinieri della Sezione Radiomobile, insieme alla Stazione di Olbia Poltu Quadu si sono portati in via Marsala dove alcuni cittadini avevano richiesto aiuto al 112 a causa dei rumori e delle urla che sentivano provenire dal palazzo vicino.

Giunti sul posto i militari hanno trovato un pregiudicato 30enne di Olbia che aveva sfondato la porta di casa dei genitori 70enni e stava cercando di colpire il padre con violenza. Per questo motivo è stato accompagnato in caserma e dichiarato in arresto.

Sempre nel corso della notte l’operatore del 112, su richiesta di alcuni cittadini preoccupati perché stavano assistendo alla scena di violenza, ha dovuto inviare la pattuglia della Stazione di Porto Rotondo presso un bar di quella località, perché un ex dipendente stava aggredendo il titolare dello stesso bar.

Giunta sul posto la pattuglia ha tentato di identificare un 32enne di Senorbì (CA) il quale, probabilmente anche lui in stato di alterazione psico-fisica, vedendo che la pattuglia era mista, composta da un militare uomo e uno donna, ha colpito la donna probabilmente sottovalutando le capacità dei militari e venendo immediatamente immobilizzato ed accompagnato in caserma.

Giunto presso la Stazione di Porto Rotondo ha tentato nuovamente di colpire i Carabinieri e a quel punto è stato bloccato definitivamente e dichiarato in arresto.

Nel corso della giornata odierna si sono tenute le direttissime per la convalida degli arresti, tutti convalidati.

Due di loro, dopo la convalida sono stati rimessi in libertà, mentre per un altro, oltre alla convalida, sono stati disposti gli arresti domiciliari.

LEGIONE CARABINIERI SARDEGNA

Comando Provinciale di Sassari

Commenti

commenti