Blog

‘S.M.Maddalena’ cambia parroco: Don Domenico Degortes collocato in pensione, al suo posto Don Andrea Domanski.
 

Don Andrea Domanski, Parroco della Parrocchia Agonia di N. Signore G.C. in La Maddalena, è nominato anche Amministratore
Parrocchiale della Parrocchia S. Maria Maddalena, in La Maddalena; subentra a don Domenico Degortes, in seguito a rinuncia per raggiunti limiti
di età.

Lettera di S. Ecc. Mons. Sebastiano Sanguinetti alla Comunità, in seguito all’avvicendamento nella Parrocchia di Santa Maria Maddalena.

Era per me un dovere di apprezzamento e di gratitudine per il lungo servizio svolto nella comunità maddalenina, consentire a don Domenico Degortes di coronare il suo quarantennale mandato pastorale in questa Parrocchia – 20 anni da vice parroco e gli ultimi 20 da parroco – con la celebrazione del 250° anniversario dell’istituzione della Parrocchia, tenutasi lo scorso 22 luglio.

I raggiunti limiti di età previsti per i parroci, ma soprattutto la necessità di sgravarlo di un notevole peso di responsabilità e di un carico di lavoro legati all’ufficio di parroco in una vasta comunità come quella maddalenina, mi hanno portato ad accogliere la rinuncia al mandato di parroco da lui presentata al raggiungimento del 75° anno.

Una scelta non facile, sebbene doverosa, per me, in un momento diocesano di calo numerico dei sacerdoti, di rinuncia per età o ragioni di salute di altri parroci, di conclusione della collaborazione pastorale di altri sacerdoti provenienti da altre diocesi e comunità religiose. Mi ha molto agevolato in questa scelta la generosa disponibilità di don Domenico a restare a La Maddalena, per continuare a prestare la propria opera, insieme agli altri sacerdoti.

Contestualmente ho chiamato a subentragli il reverendo don Andrea Domanski, in qualità di Amministratore Parrocchiale, munito di tutte le facoltà e doveri di Parroco. Come è facile intuire, la scelta si colloca su una linea di continuità pastorale, volta ad assicurare ad entrambe le comunità, quella di S. Maria Maddalena e dell’Agonia di Nostro Signore G.C., la cura pastorale di cui hanno bisogno e diritto. Sarebbe stato mio desiderio poter inviare qualche altro sacerdote giovane per incrementare le energie in campo, ma l’attuale situazione numerica e le numerose emergenze che si sono verificate negli ultimi mesi, non lo consentono per il momento.

Oltre alla generosità dei sacerdoti che già ben conoscono la situazione maddalenina e che sapranno interpretarne al meglio le esigenze spirituali ed umane, mi affido anche alla comprensione e alla collaborazione dei tanti collaboratori laici e dei gruppi ecclesiali presenti nelle due comunità. Con l’apporto di tutti potrà essere affrontato questo delicato passaggio di consegne con la serenità necessaria e con la consapevolezza che solo una ministerialità ampia e responsabile fa della Chiesa un’autentica comunione di persone, dove tutti siamo “membra gli uni degli altri”, e dove ognuno concorre al bene di tutti. A tutti giunga la mia benedizione, la mia costante vicinanza e il mio affetto.

✠Sebastiano Sanguinetti vescovo

Commenti

commenti