Blog

Elezioni Regionali Sardegna. Il dato a La Maddalena.
 

Riaperti alle ore 07.00 i 1.840 seggi della Sardegna dove sono state avviate le operazioni per lo scrutinio delle elezioni regionali. Lo spoglio procede a rilento. I primi risultati confermano il testa a testa previsto dagli exit poll tra Solinas (centrodestra) e Zedda (Pd) e registrano il crollo M5S. Le urne si sono chiuse ieri alle 22, l’affluenza è stata del 53,77%. Su 1.470.401 aventi diritto si sono recati alle urne 790.709 elettori.

Aggiornamento in tempo reale:
il candidato del centrodestra Christian Solinas nettamente in vantaggio rispetto al principale sfidante, Massimo Zedda (centrosinistra).
Solinas guida con 13 punti di vantaggio e quasi 40 sul candidato del Movimento 5 Stelle Francesco Desogus.

La Maddalena:

A La Maddalena come procede lo spoglio? Il Centrodestra sembra nettamente avanti ma il dato in evidenza è che su 9.991 aventi diritto hanno votato 2.395 uomini e 2.293 donne per un totale di 4.688 persone, ossia il 46,92%.

Ha vinto quindi l’astensionismo? E’ un dato da valutare seriamente e capirne il motivo, in vista anche per le Elezioni Comunali che si svolgeranno nel Maggio del 2020, ossia fra poco più di un anno.

Perché lo spoglio va a rilento? Dati aggregati, voto disgiunto e preferenze.

Lo spoglio si preannuncia lunghissimo dal momento che la Regione ha deciso che i risultati dei Comuni saranno comunicati solo in forma aggregata: i Comuni con massimo 10 sezioni forniranno il dato solo una volta concluse le operazioni (100%), quelli tra 11 e 30 sezioni quando sarà raggiunto il 50% dello scrutinio, mentre per i centri maggiori quando si arriverà al 25%.

A questo si aggiunge la necessità di scrutinare ogni scheda contestualmente per i voti per il presidente e per i voti di lista, procedura lunga e complicata dal fatto che la legge elettorale sarda prevede il voto disgiunto (si può votare per un candidato presidente e una lista che non lo sostiene) e le preferenze, con controllo di genere: se la seconda preferenza è data a un candidato dello stesso sesso del primo, va annullata la seconda e non la prima.

Ognuno di questi elementi rende più lungo lo spoglio e più lenta la comunicazione dei dati. Che potrebbero arrivare poi tutti in un arco di tempo più breve.

Massimiliano Marras

Commenti

commenti