Blog

“Sono trascorsi quattro anni e mezzo dall’inizio dell’esperienza del Consiglio Comunale dell’Amministrazione Montella…”
 

Inizia così il comunicato stampa del Gruppo Consiliare IL VENTO CHE CAMBIA, capeggiato da Gaetano Pedroni.

“Rimangono pochi mesi alla scadenza naturale del mandato con un Sindaco che ha preannunciato l’intenzione di non proseguire il suo percorso e un Consiglio Comunale nel quale si palesa la proposizione di una nuova pseudo leadership tra i membri di maggioranza che sta trasformando il Consiglio in una sorta di fiera nella quale barattare modifiche di deliberati con integrazioni capziose che suonano utili come i puntini sulle “i” in quanto già oggetto di deliberazioni consiliari precedenti, per il misero obiettivo di ottenere consenso. Un comportamento da disperati che umilia il Consiglio comunale.

Vero è che l’argomento Sanità, soltanto pochi giorni fa, veniva completamente ignorato dalla maggioranza e che solo attraverso la nostra richiesta è stato convocato il Consiglio comunale aperto alla cittadinanza, che ha avuto l’opportunità di rappresentare le proprie convinzioni in aula.

Riceviamo una cocente delusione soprattutto dal Sindaco, che, non dimentichiamolo, detiene la delega alla Sanità e sull’argomento ha potuto confidare, per nostro senso di responsabilità, della condivisione e dell’appoggio sulle problematiche sanitarie e del Paolo Merlo, ma che con questo comportamento ha tradito il senso unitario del Consiglio, cedendo a capricciosi distinguo inutili, nei quali si ignora totalmente una parte fondamentale del funzionamento dell’ospedale come i Reparti di Medicina, Dialisi e Anestesia, che nessuno ha evidenziato, dimenticanza che dimostra la fondatezza della nostra delusione.

La nostra azione sulla Sanità si è basata sempre sulla ricerca delle proposte unitarie più idonee a rifunzionalizzare il Paolo Merlo senza maliziose ambizioni elettorali come qualcuno scorrettamente e malignamente sta cercando di strumentalizzare. A dimostrarlo esistono gli Atti, che abbiamo votato ora e come in passato, senza tener conto delle nostre appartenenze e dei nostri ideali quando è stato necessario, senza battere ciglio, nell’interesse della salute dei maddalenini.

Tornando alla piega da campagna elettorale che ha preso quest’amministrazione comunale, che da un lato preannuncia progetti e investimenti degni di una gag di “Totò e Peppino” senza credibilità, considerati i pochi mesi restanti alla scadenza di mandato, di contro, in quattro anni e mezzo, nonostante continue e pressanti richieste, provenienti dai nostri banchi consiliari, non è stata in grado di ripristinare l’illuminazione pubblica lasciando tutt’oggi interi quartieri al buio pregiudicando la sicurezza l’incolumità dei cittadini che pagano profumatamente la TASI senza avere il servizio.

Un’amministrazione che ha purtroppo deluso le tante aspettative di un cambiamento che aveva preannunciato ed invece, a cinque anni di distanza ereditiamo un Club Med abbandonato, un Water Front inesistente, un’Opera PIA abbandonata, una Cala Balbiano incompleta, il Civico Mercato da concludere,il Museo Lamboglia non pervenuto, il Complesso della Ex Scuola Americana e della Palestra abbandonati e se stessi, nulla è cambiato nel segno di un cambiamento annunciato.

Un’amministrazione che ha narcotizzato con le chiacchiere un’intera Città, che aspettando il cambiamento annunciato ha pian piano perso le speranze, una comunità nella quale il sentimento prevalente è purtroppo la rassegnazione.

Abbiamo certamente condiviso con convinzione e responsabilità la costituzione della Società in House La Maddalena Ambiente, scelta giusta che potrà dare buone prospettive alla gestione dei rifiuti della Città. Abbiamo apprezzato e sostenuto il lavoro silenzioso e solitario del delegato alla viabilità che, senza delega assessoriale, da vero volontario, ha prodotto un lavoro egregio con risultati tangibili ed evidenti seppur perfettibili, come anche l’impegno e la disponibilità del delegato alle manutenzioni.

Continuiamo a fare politica e siamo già impegnati a costruire un’alternativa valida per amministrare questa Città che merita qualcosa di più di un narcotico, c’è bisogno di una scossa e del contributo di tutti coloro che hanno voglia di impegnarsi a creare condizioni migliori, a dare risposte concrete e soprattutto a mantenere gli impegni che ci prefiggeremo. Fortunatamente ci sono ancora molti cittadini disponibili a mettersi in gioco e donarsi al servizio di una Città che ha bisogno di nuove energie. Svolgere le attività amministrative ci ha reso consapevoli delle possibilità e delle difficoltà al punto che le scelte che faremo saranno percorribili e realizzabili”.

I Consiglieri Comunali

Gaetano PEDRONI – Arianna CAROLA – Adriano GRECO

Commenti

commenti