Home » News » News » Attualità » 150 Anni di Unità d’Italia.

1861-2011: Tutti Fratelli… d’Italia.

«Il Senato e la Camera dei Deputati hanno approvato; Noi abbiamo sanzionato e promulgato quanto segue: Articolo unico: Il Re Vittorio Emanuele II assume per sé e suoi successori il titolo di Re d’Italia. Ordiniamo che la presente, munita del Sigillo dello Stato, sia inserita nella raccolta degli atti del Governo, mandando a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Da Torino addì 17 marzo 1861».

di Salvatore Faggiani.

Sono le parole che si possono leggere nel documento della legge 4671 del Regno di Sardegna e valgono come proclamazione ufficiale del Regno d’Italia, che fa seguito alla seduta del 14 marzo 1861 del Parlamento, nella quale è stato votato il relativo disegno di legge. E il 21 aprile 1861 quella legge diventa la n.1 del Regno d’Italia. In circa due anni, dalla primavera del 1859 alla primavera del 1861, nacque, da un’Italia divisa in sette Stati, il nuovo regno: un percorso che parte dalla vittoria militare degli eserciti franco-piemontesi nel 1859 e dal contemporaneo progressivo sfaldarsi dei vari Stati italiani che avevano legato la loro sorte alla presenza dell’Austria nella penisola e si conclude con la proclamazione di Vittorio Emanuele II Re d’Italia. 17 marzo 2011…sono trascorsi 150 anni dall’unificazione dell’Italia. Un secolo e mezzo durante il quale il Paese è cambiato profondamente: ha modificato i propri modelli di riferimento, ha vissuto importanti fenomeni migratori, ha conquistato un posto di primo piano nel panorama internazionale, ha affrontato e superato momenti di crisi. Le difficoltà rappresentano spesso per le società un’occasione di rilancio o, più semplicemente, di riflessione. Così il 2011 e i festeggiamenti per il 150° anniversario dell’unità nazionale possono essere un’opportunità per un dibattito collettivo che porti a riflettere sul passato e sul presente per guardare consapevolmente al futuro. Il 17 marzo festa nazionale, deve essere un momento bello, d’entusiasmo, di grande orgoglio di essere italiani, di appartenenza ad una comunità unita e ad un’Italia meravigliosa. Dobbiamo essere uniti nel riconoscere gli immensi sacrifici (anche di vite umane) ed il grande lavoro che hanno fatto tanti personaggi della politica, della cultura e tanti cittadini comuni, nel portare avanti grandi ideali, nel percorso della storia per costruire il valore, la cultura sociale, civile ed umana dell’unità d’Italia, del territorio e degli italiani. Dobbiamo continuare questo percorso, portando dentro ognuno di noi, il grande valore dell’unità d’Italia, di stare uniti, di stare bene insieme. In poche parole «Fratelli d’Italia».

VIVA L’ITALIA.

 

 

 

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità