Home » News » News » Attualità » Autista di scuolabus fa scendere gli alunni indisciplinati, lasciandoli sul posto.

Comando Provinciale Carabinieri- Sassari.

Bonnanaro, 19 Maggio 2012.

Gli studenti della Scuola Media non sono tutti tranquilli e pacati, specie quando, al termine di una giornata di lezione, è il momento di salire sullo scuolabus per tornare a casa.

Ma evidentemente il 36enne autista del mezzo non deve aver gradito l’euforia dei ragazzi perché, infastidito dalle loro urla, ha deciso di fermare il mezzo per costringerli a scendere, lasciandoli sul posto.

È quanto accaduto mercoledì a sedici alunni tra gli 11 e i 14 anni, della scuola secondaria di I° grado di Bonnanaro.

Al termine delle lezioni, alle 13.30, una ventina di loro sono saliti su un autobus che effettua il servizio di trasporto in convenzione con i Comuni di Torralba e Borutta. Percorso qualche chilometro, appena fuori paese, l’autista, dopo che i ragazzi avevano ignorato i ripetuti richiami dell’accompagnatore a bordo di abbassare i toni, ha accostato ed ha aperto le porte del mezzo. Sembrava soltanto una messa in scena per riportare un po’ di calma ed invece il 36enne ha fatto scendere quasi tutti i ragazzi e, dopo aver lanciato i loro zaini in strada, ha chiuso le porte riprendendo la marcia.

Agli increduli ragazzi non è rimasto altro che avvisare con il cellulare i propri genitori i quali, sconcertati per quanto accaduto, hanno raccontato tutto ai carabinieri della Stazione di Torralba, prontamente intervenuti sul posto.

I militari, al termine degli accertamenti, hanno denunciato in stato di libertà sia l’autista dell’autobus, sia l’accompagnatore a bordo, per i reati in concorso di abbandono di minori ed interruzione di pubblico servizio.

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità