Home » News » News » Attualità » Rinvenuto il corpo di un giovane in evidente stato di decomposizione.
Arcipelago di La Maddalena
Arcipelago di La Maddalena

La Maddalena, 14 Febbraio 2013.

Abitava a La Maddalena, in zona Sualeddu, nel rettilineo che conduce a Baita Trinita, lungo la panoramica, in uno delle zone più suggestive dell’Arcipelago.

Se n’è andato a 32 anni, A. D. B. , giovane con un trascorso difficile alle spalle, lasciando dietro di se un alone di mistero e infinita tristezza per una scelta che lo ha trovato debole e indifeso.

Senza nessuno accanto.

Il corpo, in evidente stato di decomposizione, è stato scoperto mercoledì mattina, nel garage dell’abitazione di famiglia.

I carabinieri hanno dovuto richiedere l’intervento dei  Vigili del Fuoco del distaccamento di La Maddalena, giunti poco dopo, allertati alle 11.44. Dopo aver forzato la porta, dove ipotizzavano di trovare l’uomo, sono entrati e ai loro occhi si è presentato uno scenario agghiacciante. Il corpo del giovane, riverso, e in condizioni tali da far presupporre una morte sopraggiunta da diversi giorni. Si ipotizza molti.

Spetterà all’autopsia, in corso di svolgimento presso l’Istituto di Medicina legale di Sassari, stabilire le cause del decesso, anche se l’ipotesi più probabile pare proprio quella del suicidio.

L’arma usata sembra essere un rudimentale fucile, realizzato artigianalmente.

I Vigili del Fuoco sono rimasti nell’abitazione sino alle 17.55, prima di rientrare nella sede operativa di Mongiardino. E’ intervenuto anche il personale del 118. Che nulla ha potuto.

Gli amici lo descrivono come un buon operaio, abile nel mestiere di fabbro e di meccanico. “Spesso preferiva restare solo, quasi ad isolarsi dal resto del mondo, usciva poco e non si faceva vedere troppo in giro. Ma era un bravissimo ragazzo”.

I motori erano una sua grande passione, condivisa con gli amici.

“Sei stato davvero un carissimo amico, uno di quelli ai quali si vuole veramente bene- scrive G.R.- uno di quelli che si vorrebbero avere per la vita, con cui condividere molto del proprio tempo e delle proprie passioni. La verità è che hai avuto un’esistenza sfortunata e hai provato grandi sofferenze, che da sempre ti hanno turbato e disturbato.

Nessuno di noi è riuscito ad aiutarti: io, la mia famiglia, quella di altri amici miei, tanti altri ragazzi che erano sensibili alla tua causa ti avevamo aiutato a diplomarti al Nautico, ma il tuo male oscuro veniva da lontano, dal profondo e alla fine ti ha logorato.

Ti sei sempre sentito solo e la sua vita l’hai finita solo. Abbiamo perso un po’ tutti questa sfida, non solo tu. Se ne va un artista, uno che con le mani materializzava i sogni e non esagero.

Hai avuto un esistenza triste e dolorosa.

Voglio ricordarti così come ti avevo conosciuto e per tanti anni vissuto: sorridente, mani sporche di grasso e sigaretta storta… ciao Ale, ora sei il meccanico degli Dei”.

Lorenzo Impagliazzo

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità