Home » News » News » Cultura » In scena a La Maddalena, il Musical ‘Madre Teresa’.

Madre Teresa di Calcutta

La Madddalena, 9 Aprile 2014.

“L’amore per i poveri, il valore nella diversità fra gli uomini, soprattutto il suo sorriso gioioso nell’affrontare i problemi più tristi”… Così Michele Paulicelli descrive il suo musical “Madre Teresa”, un racconto in musica e prosa, senza pretese biografiche, che presenta al pubblico la vita di una piccola donna considerata a ragione fra le più grandi del mondo.

Questa l’ultima fatica del gruppo teatrale dell’Oratorio San Domenico Savio di Moneta – La Maddalena, “Madre Teresa” appunto, un musical che dal 2002 continua ad essere proposto nei teatri italiani e che domenica 13 aprile, alle 21.00, approderà finalmente in Sardegna, a La Maddalena, nell’oratorio della Parrocchia Agonia di Nostro Gesù Cristo.

L’ennesimo piccolo, grande miracolo, che prenderà corpo sul palco parrocchiale grazie ai quaranta componenti del gruppo, nato nel 2006 grazie alla del tutto casuale ispirazione di alcune catechiste e grazie soprattutto alla disponibilità di “patrimonio umano di notevole abilità canora” di cui valersi.

La caparbietà della “regista” Manuela Verzino, la sollecitudine di Don Andrea Domanski, l’ingresso nel gruppo di persone adulte provenienti anche dalle altre parrocchie dell’isola, il contributo delle loro capacità, il ricambio generazionale e una rinnovata passione per la musica sono solo alcuni degli ingredienti che negli anni hanno permesso ai membri del gruppo (bambini, ragazzi e adulti da zero a settant’anni!), per lo più dilettanti autodidatti mossi da una sana passione per la musica, di crescere e “specializzarsi” col tempo in spettacoli musicali e in prosa.

Diversi i talenti sbocciati in seno al gruppo: Irene Calvia, Anna Cozzolino, Federico Lobrano, che da sempre prestano le loro voci ai personaggi principali degli spettacoli.

Accanto a loro in questa occasione ci saranno anche le voci soliste di Antonello Calvia e Lucy Langella.

Che sia stato l’intervento del Caso, o più probabilmente della Provvidenza, poco importa! Resta ad ogni modo alla base della loro attività la semplice certezza che “chi canta, prega due volte”… E che cantare coinvolge molto più del solo recitare una preghiera. Ed è questa salda consapevolezza a far nascere negli anni i diversi spettacoli: “Anastasia” (2007), ispirato alla saga dei Romanov, cui segue nello stesso anno la recita a tema religioso, “Natale, Dio è di parola”; “Il Risorto. Oltre il dolore e la croce”, (marzo 2010), di Daniele Ricci, una rivisitazione in chiave rock della passione di Cristo; “L’atteso” (dicembre 2010), anch’esso firmato Daniele Ricci; “Lolek, il giovane Wojtyla”, (giugno 2011) di Roberta Nicolai, Daniela Cologgi e Sandro Di Stefano, uno spettacolo in prosa, con musiche e canzoni, che ripercorre la storia del giovane Karol Wojtyla, detto familiarmente Lolek; “Aspettando il Natale… sulle ali della fantasia”, (dicembre 2011) una pièce teatrale che sceglie e unisce non a caso alcune delle più belle fiabe Disney, tutte comunque accomunate dall’unico messaggio che alla fine l’Amore trionfa sempre; “Ascoltaci. Sono uno soltanto, il solo Dio che tu avrai”, un adattamento dello spettacolo musicale francese, “I Dieci Comandamenti”, diretto da Elie Chouraqui e con le musiche pop – rock di Pascal Obispo, ispirato al celebre episodio biblico dell’Esodo; infine “Greccio. Notte di Natale 1223”, la storia del primo presepe allestito da San Francesco, sui testi e le musiche del regista Carlo Tedeschi.

teresa-di-calcutta5

Le malattie, la fame, la povertà, l’incontro-scontro con le autorità religiose locali, i problemi e i dolori, i drammi di singoli individui, saranno i temi che verranno messi in scena questa volta, col chiaro scopo di offrire al pubblico, in questo tempo di Quaresima, in cui commemoriamo la Passione e Morte di Nostro Signore, un momento di riflessione innanzitutto sulla fede che illuminò Madre Teresa, e su quella semplicità che seppe elevare ad arma prediletta contro quell’immensa povertà, materiale e morale soprattutto, contro cui dovette combattere ogni giorno della sua vita.

Due perciò gli appuntamenti da non perdere: domenica 13 aprile alle 21.00 a La Maddalena nell’Oratorio San Domenico Savio di Moneta, e lunedì 14 aprile alle ore 19.30 a Olbia nella parrocchia di Nostra Signora de La Salette.

Margherita Scarpaci

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità