Blog

L’imbarcazione “Blues” rischia l’affondamento. Intervento provvidenziale della Guardia Costiera.
00
 

boooooooooooooooooo

Olbia, 23 agosto 2016

Alle ore 06.46 del 23 agosto la Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Olbia ha ricevuto via radio da parte di un’imbarcazione denominata “Blues”, con a bordo 2 persone, già alla fonda nelle acque antistanti l’isola di Tavolara (in corrispondenza di Spalmatore di Terra) una chiamata di soccorso per il pericolo causato dall’apertura di una falla sullo scafo dovuta al disancoraggio determinato dal forte vento (circa 20 nodi) di Grecale, fonte dell’imbarco di una copiosa quantità di acqua.

Gli uomini della Sala Operativa hanno prontamente raccolto la chiamata di soccorso e ha dirottato sul posto della Motovedetta CP S.A.R. 894, già in mare per attività di verifica degli specchi portuali al comando del C° 1^ Cl. Carlo MARROSU, che ha raggiunto l’imbarcazione in difficoltà in poco meno di mezz’ora.

Per scongiurare l’affondamento il Comandante, grazie alla sua professionalità e alla perizia del proprio equipaggio, ha provveduto a rimorchiare l’unità in difficoltà fino ad un punto idoneo per la fonda su bassi fondali sabbiosi, in attesa dell’intervento di una ditta specializzata in interventi subacquei nel frattempo allertata/attivata dalla dipendente Sala Operativa.

Ma l’emergenza non è finita. Con l’imbarcazione alla fonda ed il pericolo di naufragio ormai scongiurato, la stessa ha richiesto nuovamente assistenza a causa della perdita dell’ancora necessaria a tenere l’unità in sicurezza sui bassi fondali.

Senza risparmiarsi l’equipaggio ha così ripreso al rimorchio l’imbarcazione in difficoltà fino all’arrivo, alle 08.30 circa, della ditta specializzata che ha provveduto a tappare la falla ed esaurire l’acqua entrata nello scafo, restituendo la necessaria galleggiabilità e stabilità all’unità.

Terminata questa operazione, la M/V S.A.R. CP 894 ha, quindi, scortato il rimorchio a cura della ditta specializzata al pontile di Tavolara, per poi poter dirigere, con il suo equipaggio, per il rientro nel porto di Olbia, pronta per una nuova eventuale chiamata di soccorso.

DIREZIONE MARITTIMA DI OLBIA GUARDIA COSTIERA

Share This: