Home » News » News » Comunicati Forze dell'Ordine » Si passano un fucile a canne mozze per strada: Arrestati.

Legione Carabinieri “Sardegna” -Reparto Territoriale di Olbia.
Nucleo Operativo e Radiomobile.

 Olbia, 21 Ottobre 2011.

Poco prima della mezzanotte trascorsa, in Olbia, Salvatore Porcu (19enne) ed un diciassettenne sono stati arrestati subito dopo essersi scambiati un fucile a canne mozze in pieno centro abitato.

L’attività si è sviluppata nel corso di un articolato servizio di controllo sulla città effettuato dal personale del Nucleo Operativo e Radiomobile (sia quello in uniforme della Sezione Radiomobile che quello in abiti civili della Sezione Operativa), volto a contrastare i delitti di natura predatoria nelle fasce orarie serali.

Proprio i militari in borghese, che erano in osservazione nei pressi di alcuni esercizi commerciali, hanno notato lo scambio sospetto di uno zaino tra un ragazzo in scooter ed un altro che viaggiava a bordo di un’auto.

Il movimento, effettuato con atteggiamento furtivo, è stato captato dagli operanti che hanno intrapreso un pedinamento sia dell’uno che dell’altro, presto raggiunti anche dal personale in uniforme. Fermata l’auto in marcia, la successiva perquisizione ha permesso di scoprire che nello zaino era nascosto un fucile calibro dodici con canne e calcio segati, nonché matricola abrasa, alterazioni che ne aumentano il potere offensivo, la capacità di occultamento e la difficoltà di identificazione.

Oltre a tale arma, il maggiorenne aveva dodici colpi calibro 7,65 ed un passamontagna.

Il materiale è stato subito sequestrato. Nel contempo, il personale che aveva seguito il minorenne a bordo dello scooter, lo ha raggiunto e, dopo la perquisizione, ha trovato in sua disponibilità anche due colpi calibro dodici. Con le risultanze acquisite, entrambi sono stati tratti in arresto per il concorso in porto illegale di armi alterate e clandestine, oltre alla ricettazione.

Il minorenne è stato condotto presso il Centro di Prima Accoglienza di Sassari, mentre l’adulto presso la Casa Circondariale di Tempio Pausania.

Sono ora in corso gli approfondimenti per comprendere l’origine e, soprattutto, la destinazione d’impiego di tutto il materiale rinvenuto.

Il Comandante, Cap. Alessandro Dominici.

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità