Home » News » News » Attualità » I lavoratori Enermar occupano il Comune di La Maddalena.

La Maddalena, 24 Ottobre 2011.

Ore 09.00

Dopo otto mesi di sit-in al porto di La Maddalena e la comunicazione dell’armatore Enermar, Vincenzo Onorato, del licenziamento tra qualche giorno per le mancate risposte della Regione Autonoma della Sardegna sulla loro vertenza e in particolare sull’assegnazione delle corse residuali, gli 83 lavoratori Enermar e le loro famiglie hanno occupato nella prima mattinata di oggi il salone consiliare del Comune.

In silenzio, accompagnati dal segretario regionale della Uil trasporti, Giulio Verrascina, sempre al loro fianco, hanno pacificamente invaso il Comune e si sono sistemati nell’aula al primo piano.

Presente l’assessore Maria Pia Zonca, che sta seguendo da vicino la vertenza, i lavoratori si sono organizzati in turni per presidiare giorno e notte il Comune.

Sono decisi a non mollare.

Nel frattempo sono stati sollecitati i capi gruppo consiliari per ipotizzare la data di un consiglio comunale straordinario, al quale si sta tentando di fare partecipare anche l’assessore regionale ai trasporti, Christian Solinas, irraggiungibile nella prima mattinata.

Nessuna notizia del Governatore Cappellacci.

Assente il sindaco Angelo Comiti, fuori sede, i lavoratori sono stati accolti dal presidente del consiglio comunale, Gian Vincenzo Belli.

La probabile data del consiglio potrebbe individuarsi nella giornata di giovedì 27 ottobre 2011, o venerdì 28 ottobre.

Sono attesi sviluppi, ma la situazione è sempre più drammatica per gli 83 lavoratori senza stipendio.

lamaddalenatv.it sta seguendo la vertenza e i possibile sviluppi e documenterà il tutto con i video delle prossime ore.

Lorenzo Impagliazzo

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità