Home » News » News » Attualità » Fissato l’interrogatorio dei tre maddalenini agli arresti domiciliari.

La Maddalena 17 Novembre 2011.

E’ stato fissato per venerdi 18 Novembre 2011 l’interrogatorio di garanzia da parte del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Tempio Pausania, ai tre maddalenini: Franco Del Giudice, Salvatore D’Apice, Angelo Serra, agli arresti domiciliari dopo le indagini della Guardia di Finanza che ha contestato loro i reati di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e presentazione di dichiarazioni fraudolente ai fini fiscali.

Il periodo osservato va dal 2004 al 2010, nel quale, secondo l’ipotesi dei finanzieri, diverse Onlus ed Associazioni sportive dilettantistiche sarde sono state create ed utilizzate al fine di emettere false fatture per “sponsorizzazioni” che consentivano agli imprenditori arrestati di creare costi fittizi per le proprie aziende al fine di abbattere il proprio reddito e, conseguentemente, diminuire le imposte da versare.

La misura restrittiva rientra nell’ambito di un procedimento che a gennaio aveva portato a diverse perquisizioni da parte degli agenti della polizia tributaria della guardia di finanza presso uffici e società sportive.

L’armatore della compagnia di navigazione Delcomar, Franco Del Giudice e il consulente Salvatore D’Apice si sono affidati all’avvocato cagliaritano Leonardo Filippi, mentre il promoter sportivo Angelo Serra è difeso dal legale maddalenino Chicco Tirotto.

L’indagine, nel suo complesso, vede coinvolti diciotto soggetti economici, tra persone, società sportive dilettantistiche ed Onlus, con sede a La Maddalena, nelle province del nord Sardegna e nel resto dell’isola.

Non si escludono altri clamorosi provvedimenti.

Red. Lmdtv.

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità