Blog

Il Sindaco di La Maddalena, Angelo Comiti scrive al Governatore Cappellacci sulla drammatica situazione trasporti marittimi.
 

La Maddalena, 20 Marzo 2012.

Al Presidente della Giunta Regionale On. Ugo Cappellacci.

Oggetto: Gravissima situazione nel servizio di collegamento marittimo tra La Maddalena e Palau.

 Illustrissimo sig. Presidente, come a Lei noto, la Collettività di La Maddalena, per scelta unilaterale della Società Enermar, dal 1 novembre 2011 ha subito un drastico ridimensionamento del numero di corse sulla tratta La Maddalena – Palau (26 in entrata e 26 in uscita).

A seguito di tale situazione si è sviluppata una molteplicità di iniziative di carattere politico, amministrativo, istituzionale e sindacale che, nell’ottica di una risoluzione del problema ha visto a più riprese la partecipazione di tutti i soggetti sopracitati (comprese le compagnie di navigazione).

Il tavolo istituito presso l’Assessorato regionale ai trasporti, ha portato la Giunta regionale alla emanazione della delibera 48/63 del 1 dicembre 2011 che nel suo dispositivo dettava le direttive da impartire alla Società Saremar, finalizzate al potenziamento del numero di corse sulla tratta La Maddalena – Palau e viceversa, facendo ricorso, qualora necessario, all’istituto del nolo con scafo nudo per il reperimento di una nave e, sempre qualora necessario, avvalendosi del personale marittimo iscritto nel collocamento generale della Capitaneria di Porto di La Maddalena per l’eventuale armamento.

Vista la totale inerzia della Direzione generale dell’Assessorato ai trasporti, a seguito di una audizione presso la IV Commissione Consiliare permanente tenutasi il 19 gennaio 2012, è stata approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale, la risoluzione n° 33 che disponeva l’immediata attuazione della Delibera di Giunta Regionale n° 48/63 del 1 dicembre 2011. Nonostante questa ulteriore disposizione dell’intero Consiglio Regionale la situazione non ha subito alcun mutamento positivo ma anzi, nel frattempo, la Collettività di La Maddalena ha dovuto subire ulteriori disagi in relazione alla sottrazione dal servizio, alternativamente, dei due traghetti Saremar, Isola di Caprera e Isola di Santo Stefano, sostituiti di volta in volta dal traghetto Arbatax, di capacità pari ad ¼ rispetto ai due mezzi sopracitati.

In data odierna mi viene comunicato dalla società Delcomar – vincitrice nel frattempo della gara per l’effettuazione del servizio pubblico notturno per il trasporto di veicoli e passeggeri sulla tratta La Maddalena – Palau e Carloforte – Calasetta, che su disposizione della Direzione generale dell’Assessorato ai trasporti dovrà spostare il M/T Enzo D.  su quest’ultima tratta. La conseguenza di tale decisione determinerà la soppressione di ulteriori 22 corse giornaliere (11 in andata e 11 in ritorno) effettuate dalla società Delcomar in regime di proroga, con scadenza prevista il 31 marzo 2012. La situazione attuale dei collegamenti tra La Maddalena e Palau assume quindi la seguente connotazione:

corse Saremar 21,

corse Delcomar 9 (solo di notte),

con intervalli, durante le ore diurne che in alcuni casi superano i 60 minuti.

Come avrebbe detto Esopo, “morale della favola”, nonostante i ripetuti interventi e alla faccia della continuità territoriale, la situazione è notevolmente peggiorata, con una perdita complessiva di corse tra La Maddalena e Palau pari a 74 (37 in andata e 37 in ritorno).

L’impressione che ho tratto da tutta questa vicenda è che, mentre a livello politico, istituzionale e sociale si è lavorato per addivenire a delle soluzioni, sullo sfondo hanno prevalso logiche particolaristiche ed lobbistiche, incoraggiate dalla totale inerzia e forse connivenza degli apparati regionali investiti in termini precisi della risoluzione dei problemi suddetti, comprensiva tra l’altro della promulgazione di bandi per l’assegnazione delle cosiddette corse residuali che, a tutt’oggi, non è dato sapere quando saranno definiti.

Vista l’insopportabilità dello stato di cose attuale che determinerà danni di carattere sociale ed economico ingentissimi, rappresento a Lei ed al Sig. Prefetto, che legge per conoscenza, una situazione pesantissima anche sotto il profilo dell’ordine pubblico.

In attesa di una risoluzione dell’ONU, organismo al quale mi sono rivolto come ultima istanza, Le sarei grato se volesse spendere in termini immediati tutta la Sua autorevolezza affinché questo autentico agguato perpetrato in danno di questa Collettività possa essere definitivamente scongiurato. Nell’auspicio che questo mio appello venga accolto, La ringrazio e La saluto cordialmente. 

Angelo Comiti, Sindaco di La Maddalena.

Commenti

commenti