Home » News » News » Comunicati » I risultati dell’incontro a Cagliari presso l’Assessorato ai trasporti.

UILTRASPORTI- Segreteria Regionale Sardegna- Dipartimento Marittimo.

Cagliari, 29 Maggio 2012.

A giorni partiranno sicuramente le corse residuali, poche ore fa hanno finalmente ufficializzato gli orari per le tre compagnie marittime. Ma settembre è alle porte, si lavori per un progetto che metta in condizioni di salvaguardare la mobilità della  collettività per il prossimo futuro blindando i  posti di lavoro.

Come volevasi dimostrare abbiamo avuto la prova nell’incontro a Cagliari, presso l’assessorato dei trasporti , che nulla  la Regione ha fatto per porre fine ad una situazione di disagio per quanto riguarda il trasporto marittimo da e per le isole minori.

L’Assessorato dei Trasporti in questi lunghi e precedenti anni, nonostante i tanti incontri, promesse e aspettative, ha dimostrato l’ennesimo disinteresse, menefreghismo e incapacità nella gestione delle problematiche della continuità marittima.

È chiaro che quando si incomincia un percorso di indicazioni politiche che vede la volontà della Regione di regionalizzare inizialmente la Saremar al 100%, di stabilizzare tutto il personale e di voler potenziare le corse pubbliche ed invece riscontriamo a distanza di anni che si privatizza al 100%, si bloccano le stabilizzazioni del personale e non si attua il potenziamento delle corse, prevale una  presa in giro nei confronti delle OO.SS, dei lavoratori e di un intera collettività; ne è prova evidente le diverse delibere del Consiglio Comunale di La Maddalena.

Da circa un anno stiamo ribadendo con forza che questo modo di gestire i trasporti locali con proroghe continue e senza un vero piano trasporti basato sulle esigenze della collettività maddalenina avrebbe portato a questa grave situazione di isolamento nei collegamenti.

Durante l’incontro siamo riusciti, forse per le nostre continue pressioni nel richiedere risposte sul futuro della Saremar, ad estrapolare dall’Assessorato le seguenti conclusioni:

– Privatizzazione totale al 100%  al fine di non perdere i finanziamenti previsti dalla convenzione per gli anni futuri, diversamente il rischio potrebbe essere che la UE richieda indietro i finanziamenti degli ultimi tre anni, con il conseguente fallimento della Società;

– L’impossibilità di aumento corse pubbliche;

– Verifica richieste stabilizzazione del personale.

 Nei modelli di privatizzazione prospettati dall’Assessore si citano gli esempi Siremar, Toremar e Tirrenia, soffermandosi sul modello Toremar in quanto riconosciuto come un progetto più adeguato, in quanto nel piano industriale prevedeva oltre il rinnovo della flotta anche norme di salvaguardia e stabilizzazione dei livelli occupazionali, punti questi ultimi che dovranno essere presi in considerazione nel contesto della gara per la privatizzazione Saremar.

Il  Segretario Regionale, Giulio Verrascina.

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità