Home » News » News » Riflessioni » 5° Anniversario della morte di Renzo Battaglia.
Renzo Battaglia (primo a sinistra)
Renzo Battaglia (primo a sinistra)

UN RICORDO INOSSIDABILE!

Sono passati cinque anni ma il tuo ricordo è sempre vivo e forte, talmente forte che riesce a donarci serenità e gioia di vivere.

di Salvatore Faggiani

«Inossidabile» è l’aggettivo che viene sempre spontaneo usare quando si parla o si scrive di te.

Quasi fosse effettivamente di acciaio, infatti il tuo ricordo sembra insensibile al trascorrere del tempo: il tuo carattere, la tua serenità e la tua umanità come persona e la tua tenacia, la tua dignità e la tua forza come coraggioso combattente della «stronza», come ormai è comunemente definita, paiono immutabili.

Eppure, ogni volta che ricorre questo anniversario, come sempre ricordato con un Memorial magistralmente e amorevolmente organizzato da tua moglie Franca e da tuo figlio Carlo con la valida collaborazione di alcuni loro amici, eccolo lì, il tuo ricordo è sempre più vivo e forte.

E’ questa consapevolezza che – ormai da cinque anni – spinge tutti noi a riproporre aneddoti, episodi e insegnamenti che ci hai donato nella tua breve presenza terrena. Ecco perché la tua morte ha lasciato in tutti noi la certezza di aver perso «una colonna», un punto di riferimento, oltre che uno straordinario e sincero amico.

Ogni tanto mi piace ricordare il 22 febbraio 1985, giorno in cui ci presentammo nella sede della Juventus per portare la documentazione notarile che sanciva la nascita dello Juventus Club La Maddalena.

Mi piace ricordarlo per la felicità e l’emozione che sprigionavano i tuoi occhi, a dir la verità anche i miei, quando fummo ricevuti dall’allora Vice Presidente della Juventus Remo Giordanetti e da Cestmir Vycpalek, responsabile del Settore Giovanile della Juventus.

E’ una delle mie gioie più grandi il ricordo di quella comune felicità  che oggi, caro Renzo, riesce unitamente alle altre a compensare il dolore per la tua morte. Insieme al fatto che finalmente ti sei liberato della stronza.

Concludo trascrivendo una frase di tuo figlio Carlo apparsa su Facebook il giorno dopo il tuo quinto Memorial del 14 luglio scorso: « Quasi 5 anni senza te… A volte sembra che sia passato un giorno, altre secoli… Dicono che il tempo è tiranno; be’ con noi lo è stato ancora di più … Ma ogni volta che sento nominare il tuo nome davanti a tanta gente, mi brillano gli occhi e mi scappa un sorriso… Dopo tutto e nonostante tutto i rimpianti li lascio li, in quel cassetto, dove ho imparato ad imprigionare tutta la rabbia che mi porto dentro dal giorno della mia nascita….».

In questa piccola frase è racchiuso il grande amore nonché la rabbia di un figlio che non ha potuto vivere a lungo l’amore di un padre e soprattutto condividere quelle gioie che la stronza ha impedito ad entrambi!

Ciao amico mio, onorerò per sempre la tua persona.

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità