Blog

Guardia Costiera      La Maddalena

Guardia Costiera
La Maddalena

La Maddalena, 18 Aprile 2013.

E’ stato colto da malore probabilmente in fase di risalita, Y.D. 37 anni, in servizio presso il Parco Nazionale di La Maddalena.

Si trovava a ovest di Spargi, quando intorno alle 17 si è sentito male. Poco distante da lui un collega corso, con il quale si era immerso nel pomeriggio.

L’allarme è scattato quando dai gommoni dell’Ente Parco locale e dell’Ente Parco della Corsica, che operavano in zona, si è capito che qualcosa stava andando storto.

Allertata la Capitaneria di Porto- Guardia Costiera di La Maddalena, in pochi minuti si è mossa la vedetta CP 870, che ha raggiunto il tratto di mare dove i due stavano operando.

Nel frattempo, lo stesso mezzo del Parco, con il subacqueo a bordo, si è diretto a pieni giri verso il porticciolo di Cala Gavetta, dove ad attenderlo c’era l’ambulanza del 118 che ha provveduto, in tempi rapidissimi e con la massima allerta, a trasportare il sub isolano presso l’ospedale civile ‘Paolo Merlo’, dove ad attenderlo c’era l’équipe del dottor Carlo Randaccio, operativa presso l’attrezzata camera iperbarica, già operativa.

Il sub corso, che condivideva con D. l’immersione e che a quanto pare sarebbe rimasto a corto d’aria, ragion per cui D. gli avrebbe ceduto parte della sua, dopo i dovuti tempi di decompressione è riemerso per risalire sul gommone dell’Ente Parco.

Attualmente il giovane maddalenino si trova in fase di trattamento e ‘sta abbastanza bene’, rassicurano i medici del nosocomio cittadino, anche se ovviamente è necessario attendere almeno tre o quattro ore per valutarne al meglio le condizioni.

Non si hanno altri particolari sull’incidente, se non la conferma che ancora una volta la camera iperbarica maddalenina si è confermata fondamentale per evitare guai peggiori.
Lorenzo Impagliazzo

Commenti

commenti