Home » News » News » Scuola » Scongiurata la soppressione dell’autonomia del Nautico di La Maddalena.

La Maddalena, 15 Marzo 2011.

Con la Delibera della Giunta Regionale della Sardegna n° 11/12 del 01.03.2011 sono state definite le autonomie scolastiche per l’anno 2011/12. Si è trattato di un iter lungo, partecipato, dibattuto, a tratti doloroso e a volte carico delle sole speranze; il tutto con alterne vicende. Il percorso è stato inficiato anche da alcuni interventi estemporanei di chi ha creato inutili diversivi o facili illusioni e quindi solo fastidi al conseguimento di un fine superiore ed articolato. Siamo ad un primo punto acquisito: la temuta soppressione dell’autonomia del Nautico “Millelire” è stata infine scongiurata. Di conseguenza non si costituirà un Istituto di Istruzione Superiore che, di riflesso, avrebbe comunque eroso anche parte dell’autonomia del Liceo “Garibaldi”. Non parliamo di pura Dirigenza e qualsiasi illazione in tal direzione, sarà dimostrato, è totalmente fuori luogo; bensì la nostra attenzione è sempre andata al personale tutto, ai servizi che ora si potranno ancora offrire a studenti e famiglie e ad una occupazione che avrebbe visto pesantemente diminuire l’appena sufficiente organico. Grazie quindi al Consiglio di Istituto del “Millelire”, Istituto unico nel suo genere in provincia, che fermamente ha deliberato per il mantenimento dell’autonomia ed ha rilanciato la sua offerta chiedendo che si istituisca un convitto anche con l’apporto di privati imprenditori le cui potenzialità sono già presenti nell’Isola. Grazie poi all’ordine del giorno del Comune di La Maddalena, votato all’unanimità, che ha propugnato ugualmente la necessità di mantenere l’autonomia e il solo punto di erogazione di un Tecnico Nautico. Ulteriore conforto è stato costituito dalla richiesta di riqualificazione e potenziamento delle strutture esistenti, oltre la realizzazione di strumenti e servizi adeguati che rispondano alle esigenze formative della popolazione scolastica presente sul territorio e all’ipotesi di inserimento nella programmazione della Provincia di una Accademia del Mare. Necessita ancora un grazie indirizzato alla Provincia Olbia Tempio che ha recepito “in toto” le richieste della base facendole proprie, inserendole nella esaustiva relazione inviata in Regione, sostenendola non solo nei numeri attuali ma anche con quelli in prospettiva pur se con uno sguardo rivolto alla proposta di una sezione staccata in Olbia e della qual cosa si avrà tutto il tempo di parlare e di valutare scientemente. Che il dialogo si sviluppi tra le parti proponenti e direttamente coinvolte in maniera reale e progettualmente realizzabile. Va dato perciò ampio merito al primo interlocutore della Regione cioè alla nostra Provincia che ha posto in essere uno strenuo lavoro anche con il continuo confronto di ipotesi e di idee, conseguendo il risultato che oggi è sotto gli occhi di tutti. Si è avuta ahimè la chiusura di due pluriclassi in due frazioni e alle superiori, ce ne dispiace, la soppressione di una autonomia, non punto di erogazione, che ha visto, per contro, l’attivazione della nuova opzione in essa richiesta. Ugualmente in ulteriori altri quattro casi vi è stata l’attivazione di nuove opzioni ed infine non è vi stata una sola creazione di nuova erogazione in provincia e neanche una sezione staccata a La Maddalena; ciò a conferma delle mie giuste, veritiere e ormai datate affermazioni, rozzamente ed offensivamente contestate. A tal punto un vero primo grande passo è quello della presa di coscienza della necessaria nuova stima collettiva nelle potenzialità che sempre più si stanno esprimendo e offrendo da parte del “Millelire”, sostenute e avvalorate da un fattivo impegno di più docenti, da un fermento di idee e realizzazioni ad ampio raggio e che sicuramente dovrebbero essere degnamente completate con l’offerta di un convitto o di una convenzione convittuale. Ovviamente il processo positivo non si deve arrestare, ora men che mai e sarà il caso, oltre che il tempo, di passare dalle ipotesi e dichiarazioni di intenti, all’avvio delle realizzazioni che prevedono l’impegno in solido e la concertazione di più soggetti, deputati per loro istituto al bene della collettività e dei nostri giovani nei quali è riposto il futuro. Volutamente, e nessuno me ne voglia, non sono stati nominati i singoli attori (che pur conosciamo bene e ugualmente ben sappiamo quanto si sono adoperati, compresi e non ultimi i singoli cittadini) ma solo le Amministrazioni, gli Enti e gli Organi statutari sia perché qualcuno sarebbe stato in imbarazzo, in quanto aduso a lavorare con grande professionalità e senza squilli di tromba, e poi perché ritengo che il mantenimento delle autonomie sia una conquista collettiva, una vittoria della cittadinanza a conferma che solo uniti si conseguono i risultati auspicati. Ora, in considerazione della personale non condivisa condotta ministeriale della razionalizzazione, si attendono le comunicazioni sull’organico scolastico nella speranza che ciò che si è ottenuto a livello regionale non sia mortificato dal MIUR.

Il Dirigente Scolastico pro tempore

( Prof. Giovanni Marzano )

 

Massimiliano Marras

Pubblicità

UAU MOBILE APP

Vuoi collaborare con noi?

Entra nel team di lamaddalena.TV

Si cercano professionisti che lavorino da remoto (smart-working) con disponibilità immediata.

lamaddalena.TV su Instagram

Connection error. Connection fail between instagram and your server. Please try again

Pubblicità

Pubblicità